Casa A2

2007-2011

Ubicazione: Pieve di Santo Stefano in Cennano Castelmuzio (SI)

< indietro

L’intervento riguarda un fabbricato che fa parte del complesso colonico, già presente nel Catasto Leopoldino del 1865 ma presumibilmente edificato in epoca precedente, contiguo alla pieve, alla quale risulta collegato su un lato da un arco in arenaria, coevo alla chiesa romanica. Il casale agricolo è stato trasformato adeguando la struttura alle nuove esigenze, ridistribuendo gli ambienti interni, restaurando e riqualificando le facciate e realizzando nuovi impianti, senza per questo alterare la volumetria storica, anzi demolendo una serie annessi recenti addossati al fabbricato. L’unità abitativa, distribuita su tre livelli, è stata pensata sia come residenza che come spazio per ospitare eventi sociali ed artistici promossi dai proprietari: una produttrice cinematografica e un collezionista d’arte. La Pieve di Santo Stefano in Cennano si trova ad ovest di Castelmuzio, lungo la strada che porta a Montisi. E' costruita su un’area sacrale etrusca, come risulta dai molti ritrovamenti di tombe, urne cinerarie ed iscrizioni, divenuta poi tempio pagano ed infine chiesa cristiana. La pieve sorge lungo un importante itinerario medievale. Citata da un documento longobardo del 715, venne ricostruita in stile romanico nella seconda metà del XII secolo. Dell’impianto originale, partito in tre navate, rimangono le tre absidi, mentre l’interno è ora a navata unica. Nei secoli XIV e XV inizia la sua lenta decadenza, dovuta al radicale cambiamento della vita nelle campagne, sino al totale abbandono a cui è seguito il restauro avvenuto in tempi recenti.

 

 

 

DATI

Progetto: VPS

 

Collaboratori: Gianluca Anolfo (VPS), Marco Pittaluga, Luigi Depperu (VPS)

 

Incarico: progetto preliminare / definitivo / esecutivo / direzione lavori

 

Committente: Privato

© 2017 VPS srl. Tutti i diritti riservati.